Spedizioni gratuite da 45 €
Puoi seguirci anche su
News
10/05/2018

Salviamo la pelle da noi stessi: un gesto d'amore

Per l’uomo la cute è l’organo più esteso dell’apparato tegumentario e raggiunge la considerevole dimensione di 2 m2. Quindi va da sé che, valutando quanto di noi è effettivamente pelle, valga la pena prendersene cura. Parola d’ordine: salviamo la pelle.

Non è solo una questione di quantità ovviamente. La cute svolge tutta una serie di funzioni imprescindibili che renderebbero la nostra vita, se non impossibile, almeno decisamente più triste. Tanto per iniziare consideriamo tutte le terminazioni nervose di cui la pelle è ricca e che ci permettono il senso del tatto. Non da sottovalutare. Oppure la termoregolazione e la sudorazione di cui la pelle è responsabile e che ci permettono di affrontare le temperature e le situazioni climatiche più disparate. Ma anche la sua funzione di protezione, in quanto barriera anatomica contro le aggressioni esterne, prima e valiente difesa dell’organismo contro tutti gli agenti nocivi. E così via. Potremmo quindi dire che la pelle salvaguarda noi e il corretto funzionamento del nostro organismo dal primissimo giorno. Però forse a volte la diamo un po’ per scontata, non trovate?

Quali sono le minacce per la pelle

La parola minaccia potrebbe sembrare un pelino eccessiva, in fin dei conti una delle funzioni della pelle è proprio quella di fungere da difesa. Il punto è che ora la cute si trova ad affrontare tutta una serie di agenti che prima non conosceva: ci riferiamo alle sostanze chimiche, tossiche e nocive, che il mondo civilizzato ha prodotto e che oramai fanno parte del nostro quotidiano anche a nostra insaputa. Elementi che non avevamo mai sentito prima, mentre abbiamo sicuramente più familiarità con gli agenti atmosferici.

Agenti atmosferici e i loro effetti sulla cute

Secoli se non millenni di esperienza ci hanno insegnato che certe condizioni meteorologiche possono causare spiacevoli effetti collaterali. Qui occorre solo essere un poco accorti, evitare inutile stress alla pelle e lasciare che faccia ciò per cui è stata creata, vale a dire difenderci. Riserviamo sempre una certa attenzione e cura verso i nostri tessuti più esterni, ricordando che la nostra pelle ha una memoria e ricorda perfettamente quando la maltrattiamo.

Perciò se ci esponiamo al sole, premuriamoci di utilizzare la protezione solare e non sottoponiamo la pelle ad inutili scottature. La sabbia può graffiare e rimuovere un importante strato protettivo dando spazio a germi e funghi: ciò non significa che dobbiamo rinunciare alle nostre vacanze al mare, ma teniamolo presente e non eccediamo con gli scrub! Gli sbalzi di temperatura non sono un problema di per sé, ma oggi disponiamo di strumenti che ci permettono ambienti riscaldati d’inverno e con aria condizionata d’estate, quindi con grandi variazioni esterno-interno. Sappiate che in questo modo i capillari si dilatano e restringono in modo innaturale, indebolendosi, perciò è importante cercare di non spostare troppo il termometro in una direzione o nell’altra. Finora, come dicevano i latini e restando in tema meteorologico - nulla di nuovo sotto il sole.

Sostanze chimiche: il vero nemico

Se gli agenti atmosferici e le variazioni di temperatura costituiscono le normali minacce della pelle, oggigiorno esistono purtroppo tutta una serie di altri fattori che spesso ignoriamo, ma che sono molto più nocivi di quanto pensiamo: i chimici prodotti dall’uomo. Dall’ormai noto smog, fino ai meno considerati materiali utilizzati per l’arredamento che secernono nelle nostre case sostanze inquinanti, potremmo dire di essere circondati. Il cloro della piscina, il makeup di tutti i giorni, gli stessi prodotti per la pulizia che utilizziamo per l’igiene della nostra casa, gli abiti che indossiamo: sono tutte fonti di possibili danni per la pelle, più o meno intensi.

Scopri di più sulle sostanze tossiche che indossiamo assieme ai nostri capi.

L'informazione come miglior cura

Oramai siamo alle prese con l’allarmismo quotidiano, con continue scoperte che ci indicano che ciò che ieri era salutare, oggi non lo è più. Iniziamo ad essere scettici oppure ipocondriaci, ma la verità è che essere informati (accuratamente) e prendere le dovute precauzioni non ci rende degli sprovveduti, anzi, ci permette a volte di difenderci da un mondo in costante cambiamento. Informarsi su come agire di fronte ad una realtà che fa i conti con continue scoperte e/o minacce è il primo passo per una vita migliore e sicuramente più salutare. Se ci tieni alla pelle, proteggila e trattala con cura giorno dopo giorno: evita situazioni che possono compromettere la tua cute, scopri quali prodotti sono più sicuri e tieniti informato, perché come te ci sono tantissime altre persone che hanno a cuore la tutela del proprio corpo e possono offrirti i consigli e i prodotti che fanno al tuo caso.

Sapevi che l'intimo La Furlana è al 100% privo di sostanze tossiche per la pelle?